Il mouse verticale è una particolare tipologia di mouse, rivolta soprattutto a coloro che soffrono di problemi agli arti superiori. Sono stati dimostrati scientificamente dei disturbi correlati al pc e si è visto che l’arto superiore – in particolare il polso, ma anche il gomito – può essere sollecitato in maniera eccessiva da un utilizzo prolungato e quotidiano del mouse.

Per venire incontro a chi non può fare a meno di utilizzare il pc – spesso è proprio il lavoro ad imporre l’utilizzo di questo dispositivo – sono stati progettati i mouse verticali, i quali promettono di aiutare ad assumere una postura corretta. In questo modo non si andrà a sovraccaricare eccessivamente il polso ed il gomito e si potrà utilizzare il mouse con meno effetti negativi sulla salute.

In questa guida abbiamo deciso di parlare dei migliori mouse verticali. Nelle prossime sezioni consiglieremo alcuni dei migliori modelli che si trovano in commercio, parlando sia di modelli economici come il CSL TM137U, sia di mouse più costosi e dalle prestazioni professionali, come il Logitech MX.

Vedremo anche quali sono le caratteristiche da valutare, perché prima di arrivare alla decisione definitiva sul modello da acquistare è fondamentale che i mouse verticali vengano confrontati tra loro, sia sotto il punto di vista tecnico, sia sotto il punto di vista economico.

Migliori mouse verticali: i modelli da tenere d’occhio

Quali sono i migliori mouse verticali disponibili in commercio? E’ questa la domanda che si pongono tutti i clienti intenzionati ad acquistare questa tipologia di mouse e che effettuano delle ricerche in rete allo scopo di approfondire le proprie conoscenze in materia.

Di seguito potrai trovare alcuni dei migliori modelli che possono essere acquistati in Italia. Potrai eseguire l’ordine online su Amazon.it, portale di e-commerce che vanta una nutrita schiera di mouse verticali: non avrai difficoltà a trovare il modello che fa per te.

Anker AK-98ANWVM-UBA

Apriamo la lista dei migliori mouse verticali con il modello Anker AK-98ANWVM-UBA. Si tratta di un modello economico, venduto online su Amazon ad un prezzo davvero conveniente, nonostante sia in grado di offrire delle prestazioni interessanti.

E’ un mouse verticale wireless, che sfrutta la tecnologia Wi-Fi per collegarsi al dispositivo con il quale deve essere utilizzato. Vanta un design ergonomico, che lo rende non solo bello da vedere, ma anche comodo e sicuro da utilizzare, dal momento che contribuisce a raggiungere una corretta posizione del polso.

Garantisce una risoluzione ottica a 800/1200/1600 DPI ed in questo modo riesce ad assicurare una maggiore precisione rispetto a molti altri modelli in commercio. E’ alimentato con due batterie AAA da 1.5V.

Tecknet

Interessante anche il mouse verticale Tecknet, anche questo con un design ergonomico come il modello precedente. Il design è stato studiato scientificamente per garantire ai clienti la massima sicurezza durante l’utilizzo del prodotto e per offrire loro l’opportunità di avere il polso in posizione corretta.

La risoluzione proposta da questo modello è 2000/1200/800 DPI ed è ottimale perché vengono garantite prestazioni precise indipendentemente dalla superficie sulla quale il mouse verticale in questione viene posizionato.

Questo modello è dotato anche della funzione risparmio energetico. Il dispositivo, infatti, va in automatico in modalità risparmio quando non viene utilizzato per otto minuti consecutivi. Basta comunque un semplice click o movimento per risvegliare il mouse e ricominciare ad utilizzarlo.

Grazie alla luce led potrai sapere quando la batteria è scarica e dovrai cambiare le pile per evitare di trovarti in difficoltà da un momento all’altro. Il raggio d’azione di questo modello è di ben 15 metri, dunque sopra la media rispetto ai prodotti appartenenti a questa categoria.

Ayete

Un altro ottimo modello di mouse verticale wireless è quello proposto da Ayete. A differenza dei due modelli precedenti – anch’essi senza filo – in questo caso non bisogna inserire delle pile per far funzionare il prodotto, infatti esso è dotato di batteria ricaricabile.

La risoluzione può essere regolata a tre livelli, ovvero 1000/1600/2400. Sono ottime risoluzioni, che rendono questo modello l’ideale per chi vuole utilizzare il mouse su superfici diverse senza riscontrare dei problemi di precisione e di prestazioni.

Il prodotto è venduto con una garanzia di sei mesi, durante i quali i clienti potranno chiedere la riparazione gratuita in caso di malfunzionamenti e/o problemi con il mouse verticale commercializzato da Ayete. Anche questo modello viene venduto ad un costo vantaggioso, non è necessaria una spesa elevata per riceverlo a casa in pochi giorni acquistando su Amazon.

CSL TM137U

Proseguiamo con il CSL TM137U, altro modello che si trova in commercio ad un costo contenuto e che può essere acquistato da tutti. Anche in questo caso stiamo parlando di un mouse verticale senza fili, che propone una risoluzione di 1000/1600 DPI.

Il design ergonomico e la sua forma elegante hanno contribuito al successo di questo modello, acquistato da coloro che vogliono proteggere l’arto superiore riducendone la sollecitazione e che vogliono prevenire delle patologie specifiche del polso, ad esempio la sindrome del tunnel carpale.

E’ dotato di cinque tasti, più la tradizionale rotella, ed è presente inoltre la funzione stand-by, grazie alla quale la durata della batteria viene prolungata, aumentando in questo modo l’autonomia del prodotto.

Logitech MX

A conclusione della lista di proponiamo il modello Logitech MX, un mouse verticale professionale a cui dovresti rivolgerti se sei alla ricerca di un dispositivo con delle funzionalità in più e se sei disposto a spendere di più.

Grazie al suo tracciamento ottico avanzato, questo mouse è in grado di ridurre fino a quattro volte i movimenti che è necessario compiere per spostare il cursore, il che comporta una netta riduzione dell’affaticamento dell’arto superiore.

Per la carica completa della batteria ricaricabile bastano solo tre ore, mentre l’autonomia offerta dalla stessa batteria è di ben quattro mesi. Si tratta inoltre di un mouse verticale molto versatile, dal momento che è compatibile con una vasta gamma di dispositivi e di sistemi operativi.

Caratteristiche dei mouse verticali: cosa valutare?

Vediamo insieme quali sono le principali caratteristiche dei mouse verticali che dovresti prendere in considerazione al momento della scelta del modello da acquistare. Sono diversi i punti che andrebbero valutati per giungere ad una scelta consapevole, di seguito cercheremo di trattare tutti i principali elementi di valutazione.

Dimensioni, peso e forma

La prima valutazione dovrebbe riguardare l’aspetto estetico del prodotto ed il suo peso. Le dimensioni e la forma del mouse verticale contribuiscono sicuramente a rendere più o meno piacevole alla vista il modello, ma sono centrali anche nel determinare la comodità di utilizzo del prodotto. Non deve essere fatta quindi una valutazione esclusivamente estetica, ma bisogna prendere in considerazione anche il lato funzionale.

A seconda del tipo di utilizzo, il mouse verticale può assumere delle forme diverse, le quali sono in relazione all’uso che se ne deve fare. Ci sono ad esempio alcuni modelli rivolti a chi deve usare il mouse per lavoro, altri invece pensati per chi deve giocare online.

Per quanto concerne le dimensioni, anche in questo caso in commercio si trovano prodotti variabili. Il consiglio che ti possiamo dare è di non valutare le dimensioni in maniera assoluta, ma di effettuare una valutazione in relazione alla grandezza della tua mano. Non esistono dimensioni perfette in assoluto, ma solo dimensioni che si adattano perfettamente a te!

Infine dovresti valutare anche il peso del mouse, prima di procedere con l’acquisto. Il consiglio è di optare per un mouse che abbia tutte le funzionalità di cui si ha bisogno, ma che sia al contempo leggero. Questo consiglio deriva dal fatto che il mouse dovrà essere trascinato sul piano di lavoro per muovere il puntatore, dunque un peso eccessivo potrebbe stancare l’arto superiore nel caso di utilizzo prolungato del mouse.

Con filo o senza filo?

Passiamo ad un altro elemento di valutazione dei migliori mouse verticali. Alcuni modelli si presentano con il classico cavo per collegare il mouse al computer, altri invece sono venduti come mouse verticali wireless. La scelta se puntare su un modello con cavo o wireless dipende dalle proprie preferenze, dal momento che entrambe le tipologie hanno vantaggi e svantaggi.

Il vantaggio principale dei modelli con cavo consiste nel fatto che non ci sono problemi di carica. Tenendo collegato il mouse al pc attraverso il cavo, il mouse sarà alimentato direttamente dalla rete elettrica e dunque non sarà mai scarico.

modelli wireless potrebbero avere dei problemi di carica, nel caso in cui le batterie dovessero scaricarsi. Il vantaggio consiste però nella maggiore libertà di utilizzo, dal momento che non si ha l’obbligo di restare vicini al pc, ma si possono inviare segnali al pc con un raggio d’azione di circa 10 metri.

Ci sono due tipologie di mouse wireless. La prima è quella che utilizza la tecnologia Bluetooth ed in questo caso basterà avere un computer compatibile con Bluetooth per effettuare la connessione in pochi secondi. La seconda tipologia è invece quella che utilizza la tecnologia a radiofrequenze ed in questo caso per effettuare la connessione con il pc si avrà bisogno di un ricevitore apposito. Il ricevitore è contenuto all’interno della confezione nel caso in cui il mouse fosse wireless con tecnologia a radiofrequenze.

Performance

Acquistare un mouse verticale significa non solo avere sulla propria scrivania un mouse bello da vedere. Se stai cercando di capire verso quale modello rivolgerti, ti consigliamo di prendere in considerazione anche le prestazioni del modello in esame. Per valutare la performance faremo riferimento a tre parametri: accelerazione, pooling rate e tempo di risposta.

Iniziamo parlando dell’accelerazione, parametro che indica quanto è in grado di muoversi velocemente il cursore. Acquistare un modello con una buona accelerazione è fondamentale per evitare dei ritardi tra i movimenti della mano – e dunque del mouse sul piano – ed i movimenti compiuti dal cursore sullo schermo del dispositivo a cui il mouse è collegato.

Il secondo parametro per una valutazione adeguata delle prestazioni del modello è il polling rate. Si tratta in pratica della frequenza del dispositivo, con la quale il modello scelto è in grado di inviare segnali al pc a cui è connesso. Questo parametro viene espresso in Hz ed è importante perché tanto maggiore è la frequenza, tanto più preciso sarà il mouse nell’indicare la sua posizione e dunque tanto migliori saranno le prestazioni del prodotto.

Infine bisogna considerare il tempo di risposta, ovvero il tempo che bisogna attendere affinché l’input trasmesso dal mouse arrivi effettivamente al pc. Tutti i nuovi modelli in commercio hanno dei tempi di risposta ridotti – siamo nell’ordine dei millisecondi – e per un utilizzo del mouse non in settore gaming questo parametro può anche essere trascurato. Diventa essenziale invece da valutare se si intende utilizzare il mouse per giocare.

Tasti programmabili

E’ interessante sottolineare che si trovano in vendita alcuni modelli di mouse verticali con tasti programmabili. E’ utile allora spiegare cosa sono i tasti programmabili e come possono tornare utili nella vita di tutti i giorni.

Si tratta di alcuni tasti speciali – montati in aggiunta ai tradizionali tasto destro, tasto sinistro e rotellina centrale – che hanno la particolare possibilità di essere programmati. Questo significa che si possono assegnare loro delle funzioni specifiche e dunque sfruttare i tasti come se fossero delle scorciatoie.

I tasti programmabili tornano utili per tutti i tipi di utenti, anche per coloro che ritengono che non ne farebbero alcun uso proficuo. Basteranno pochi giorni per abituarsi alla comodità e per non poter più fare a meno di questi tasti aggiuntivi. Un mouse con questa caratteristica dovrebbe essere scelto sicuramente dai gamers, i quali necessitano di compiere azioni complesse in pochi istanti.

Sensore e risoluzione

Il sensore e la risoluzione sono due parametri fondamentali da prendere in considerazione nella valutazione della precisione del dispositivo.

Iniziamo parlando del sensore che può essere di tue tipi: alcuni modelli hanno un sensore laser, altri invece hanno un sensore ottico.

In generale si può dire che i modelli con sensore laser siano quelli migliori dal punto di vista della precisione e della velocità ed anche perché sono in grado di operare al meglio su qualunque tipo di superficie. Il punto debole di questi dispositivi è la polvere, infatti su superfici polverose le prestazioni non saranno eccellenti.

Anche i mouse con sensore ottico offrono delle ottime prestazioni, il loro punto debole sono però le superfici eccessivamente lisce ed il vetro, che come abbiamo visto non spaventano invece i modelli con sensore laser.

Questa guida è aggiornata al: