Ciao,
sono Martina.

Acquistare un arricciacapelli può non essere semplice come si pensa, dato che bisogna tenere in considerazione alcune caratteristiche fondamentali e che esistono tantissimi modelli in commercio. Di seguito ti aiuteremo a trovare l’arricciacapelli adatto alle tue esigenze mostrandoli quali sono i fattori decisivi per la scelta e vedremo quali sono i migliori arricciacapelli attualmente in commercio.

Guarda anche il videro tutorial su come si usa l’arricciacapelli:

Come scegliere un arricciacapelli

Come abbiamo già accennato, come per ogni cosa, ci sono dei fattori decisivi per l’acquisto di un arricciacapelli. Prima di fare la scelta, quindi, è bene valutare queste caratteristiche per individuare quale modello è più adatto alle proprie esigenze. Vediamo quali sono.

Struttura

Parlando di struttura, ci riferiamo alla forma e alle dimensioni dell’arricciacapelli, ovvero due caratteristiche che incidono sulla tipologia del riccio che si può ottenere (onde larghe, boccoli, capelli mossi, a candela ecc…) e sulla praticità d’uso. Esistono quattro tipologie di arricciacapelli:

  • Cilindrico: è il più tradizionale e conosciuto a forma di cilindro. Il diametro del ferro è variabile e caratterizza il tipo di riccio che si vuole realizzare. Per esempio un diametro che va dai 13 ai 19 mm serve ad ottenere il riccio classico (molto definito come da permanente), un diametro che va dai 20 ai 25 mm serve a realizzare dei boccoli morbidi e, infine, un diametro dai 30 mm in su serve a realizzare onde morbide e larghe. Esistono, inoltre, arricciacapelli che hanno un diametro inferiore ai 13 mm che permettono di ottenere ricci molto definiti e fitti;
  • Conico: con un diametro di 25 mm alla base e di 13 mm alla punta, serve ad ottenere ricci a spirale;
  • Piastra: molto simile a una comune piastra, ma con due o più cilindri che consentono di ottenere delle onde. Anche qui si otterranno delle onde più o meno strette in base al diametro dei cilindri;
  • Multistyler: un arricciacapelli che ha un manico su cui è possibile montare tanti pezzi (dal ferro conico, a quello cilindrico, alla semplice piastra per capelli) e che, quindi, consente di realizzare tanti tipi di ricci;
  • Automatico: un arricciacapelli che fa tutto da solo e che permette di realizzare diversi tipi di onde premendo solo un pulsante.

Materiali di rivestimento

Se tieni alla salute dei tuoi capelli, devi prestare molta attenzione sui materiali di rivestimento dell’arricciacapelli perché sono proprio quelli che andranno a contatto con i capelli. I materiali più utilizzati sono:

  • Ceramica: il materiale più diffuso che agisce in modo molto delicato sui capelli;
  • Tormalina: un materiale molto robusto e lucidante, che viene combinato con la ceramica per ottenere una maggiore scorrevolezza sui capelli;
  • Titanio: un materiale molto leggero, ipoallergenico e resistente che viene spesso accostato alla ceramica per ottenere un rivestimento più delicato.

In alcuni ferri vengono anche introdotte alcune sostanze benefiche per i capelli (ad esempio l’olio di Argan, la cheratina ecc…).

Tecnologia

Per quanto riguarda la tecnologia di funzionamento, esistono due tipi di arricciacapelli: quelli classici e quelli a vapore. Mentre i primi sfruttano il calore per poter dare forma alla ciocca, i secondi utilizzano una tecnologia innovativa che consiste in una mini-caldaia che eroga vapore sui capelli per dare loro una piega e nel frattempo li ammorbidiscono e li idratano. Esistono, inoltre, alcuni modelli di arricciacapelli dotati di uno ionizzatore che agisce su tutta la chioma per renderla meno carica elettricamente e per evitare l’effetto crespo.

Temperatura

Un altro fattore importante è la possibilità di scegliere la temperatura, dato che una temperatura eccessiva può compromettere la salute dei capelli e di non ottenere il riccio desiderato. I modelli più completi offrono molta versatilità nella scelta della temperatura che varia dai 120°ai 230°. Quelli con la temperatura fissa sono più adatti a chi ha un capello normale e a chi non intende farne un uso frequente ma vuole acconciare i capelli ogni tanto.

Funzioni

Anche le funzioni sono un parametro da tenere in considerazione dato che più ce ne sono più sarà versatile, comodo e pratico l’arricciacapelli. Le funzioni più diffuse sono:

  • Autospegnimento: che permette all’arricciacapelli di spegnersi automaticamente quando non vengono utilizzati per più di 30 secondi. Questa funzione è molto utile per evitare sprechi di energia e incidenti vari;
  • Riscaldamento veloce: che consente di raggiungere la temperatura in tempi davvero molto brevi in modo da ridurre i consumi e i tempi di attesa;
  • Blocco: che blocca i pulsanti per evitare di cambiare accidentalmente la temperatura durante l’utilizzo;
  • Selezione della durata: che si trova negli arricciacapelli automatici e permette di scegliere il tempo di permanenza della ciocca dentro la camera arricciante e di ottenere, quindi, diversi tipi di onde.

Praticità d’uso

Ci sono alcune caratteristiche strutturali e alcuni accessori che consentono di avere una maggiore praticità d’uso. Stiamo parlando di elementi come:

  • Display: che permette di vedere tutte le impostazioni da poter scegliere e di tenere sotto controllo la temperatura;
  • Pinza: che blocca la ciocca arrotolata sulla barra rendendo la realizzazione dell’acconciatura più facile e veloce;
  • Cavo: bisogna verificare che il cavo sia abbastanza lungo e che sia girevole per avere una maggiore libertà di movimento;
  • Punte termicamente isolate: in modo da maneggiare con più facilità l’arricciacapelli senza il pericolo di scottarsi;
  • Guanto termico: utile per poter maneggiare l’arricciacapelli ed evitare brutte bruciature;
  • Supporto: in cui appoggiare l’arricciacapelli durante e dopo l’utilizzo per evitare di rovinare le superfici esposte alle alte temperature.

I migliori arricciacapelli a confronto

Dopo aver valutato e aver individuato quali caratteristiche dovrebbe avere il tuo arricciacapelli ideale, ti mostriamo quali sono i migliori del momento.

Babyliss Pro The Perfect Mira Curl Steam

Il Babyliss Pro The Perfect Mira Curl Steam è un modello automatico appartenente alla fascia di prezzo alta. È rivestito in ceramica ed ha la possibilità di essere utilizzato a vapore. È un prodotto davvero sofisticato che consente una grande praticità d’uso. La temperatura può essere scelta dai 190°C ai 230°C e si adatta, quindi, a ogni tipologia di capello. Può essere scelto il senso di rotazione (destra o sinistra) e anche il tempo di permanenza permettendo di ottenere sia ricci stretti, sia quelli medi e sia quelli più morbidi. Insomma, è perfetto per chi vuole un arricciacapelli versatile e pratico dai risultati professionali.

Remington Ci95 Pearl

Il Remington Ci95 Pearl è un modello appartenente alla fascia di prezzo medio-bassa ed è tra quelli più venduti. È un apparecchio abbastanza versatile dalla forma conica che ha una base di 25 mm e una punta di 9 mm. È rivestito in ceramica e vera perla e possiede la possibilità di selezionare la temperatura che va dai 130°C ai 210°C. Inoltre, in dotazione sono previsti un guanto termico e una custodia termoresistente in cui posare l’arricciacapelli dopo l’utilizzo. L’acquisto del Remington Ci95 Pearl è consigliato a chi vuole ottenere ricci a spirale e anche a chi ha i capelli corti e ogni tanto vuole sbizzarrirsi con delle onde.

Imetec Bellissima Beach Waves GT20 1

La Imetec Bellissima Beach Waves GT20 100 è una piastra arricciacapelli che ricrea delle bellissime onde morbido. Anch’essa ha un rivestimento in ceramica e una temperatura regolabile su tre livelli: 160, 180 e 200°C. È ottima per qualsiasi tipo di capello ed è molto pratica per chi ha poca manualità, ma non vuole rinunciare a una bella piega. Non è adatta invece a chi ha un taglio corto o a chi vuole ottenere dei ricci definiti.

Un saluto,
Martina.

Articolo aggiornato al: